Meglio piastra a vapore o normale? Sciogli il tuo dubbio qui

La piastra per capelli è uno strumento del quale è ormai impossibile fare a meno. Che sia per uso personale o professionale, è imprescindibile per poter realizzare diversi tipi di acconciature per ogni occasione. Dal liscio effetto seta ai ricci, onde invidiabili da spiaggia, le piastre sono diventate oggi uno strumento tutto in uno in grado di soddisfare praticamente ogni necessità.

Con tutti i modelli presenti in commercio, può diventare davvero difficile scegliere quale modello possa fare al caso proprio, quale marchio o tecnologia scegliere? 

Con le numerose innovazioni che sono state portate avanti nel corso degli anni non è raro avere le idee confuse, quindi in questo articolo di PassioneProfessionale.it (e-commerce di prodotti per parrucchieri, estetiste e barbieri) ci proponiamo di capire insieme se sia meglio acquistare una piastra a vapore o normale.

La piastra rovina i capelli?
Qui la verità che non ti dicono!

Piastra a vapore vs piastra normale: caratteristiche e tecnologia

Esteticamente le piastre a vapore e le piastre tradizionali sono davvero molto simili, di grandezza non eccessiva e spessore delle lamelle nella media.

Le piastre tradizionali sempre più spesso montano una tecnologia in ceramica, in grado di garantire un’acconciatura perfetta e duratura, evitando però di danneggiare i capelli. 

Anche la piastra a vapore si propone lo stesso obiettivo, garantendo un risultato impeccabile e a prova di umidità. Quest’ultima tipologia di piastra presenta in più un serbatoio nel quale inserire l’acqua prima di ogni nuovo utilizzo.

Questa, una volta scaldata, rilascerà vapore mentre si effettua la piega facendo sì che la temperatura non risulti eccessivamente elevata. Il risultato che si propone di garantire è un liscio morbido e setoso, senza risultare però aggressiva sulla chioma.

Entrambe le tecnologie risultano essere talmente all’avanguardia da non risultare in nessun caso particolarmente dannose per i capelli, dunque da questo punto di vista lo scontro potrebbe considerarsi concluso in parità.

GHD Unplugged styler – Piastra per capelli senza fili nera

280,00€

Quale tipologia di piastra è più pratica?

In molti si chiedono se in viaggio o per ritocchi veloci sia meglio la piastra a vapore o normale e, in effetti, dal punto di vista della praticità di trasporto e di utilizzo potrebbero verificarsi le prime discrepanze. 

La piastra a vapore, infatti, richiede di essere sempre ricaricata prima di ogni utilizzo, preferibilmente con acqua distillata, un’attenzione in più che potrebbe risultare poco pratica in situazioni in cui si va più di fretta. 

Con una piastra tradizionale, invece, non ci sarebbe bisogno di avere molte accortezze, si scaldano in meno di un minuto e sono subito pronte per essere utilizzate. Se, poi, si volesse optare per modelli più all’avanguardia, sono da poco in commercio le prime piastre per capelli senza fili (come la GHD Unplugged Styler), adatte in viaggio ed in qualunque circostanza, davvero una gran comodità quella di non essere sempre vincolati ad una presa della corrente.

GHD Max Styler

180,00€

Utilizzo e costi: le differenze tra le piastre non vanno sottovalutate

Un’altra caratteristica che può fare davvero la differenza nella scelta è che le piastre a vapore sono in realtà maggiormente consigliate per lisciare i capelli, più che per creare altre acconciature. 

Questo perchè, con questa tecnologia, si ritiene che il liscio tenga più a lungo e che resista anche all’umidità. Al contrario, le piastre tradizionali possono essere un valido supporto in tutte le necessità, per creare dei bei boccoli, onde morbide, ma anche un liscio perfetto che duri nel tempo.

A quanto detto c’è da aggiungere che le piastre a vapore potrebbero essere più costose rispetto a quelle tradizionali. Aspetto che, unitamente alla maggior praticità e versatilità di queste ultime, farebbero pendere a loro vantaggio l’ago della bilancia (basti guardare ai modelli disponibili nel nostro shop online qui: piastre per capelli).

Piastra GHD a vapore:
ecco come funziona e quale scegliere

Cosa scegliere se hai un salone?

La scelta,a questo punto, è molto legata all’effettivo uso che si intende fare della piastra. Per un salone professionale, ad esempio, sarebbe limitante acquistare un’attrezzatura di questo tipo adatta ad effettuare un unico tipo di piega. Visto il costo non irrisorio, propendere per un prodotto in grado di soddisfare diverse necessità e aspettative potrebbe essere la soluzione ideale.

Noi consigliamo la piastra GHD max Styler, per offrire un eccezionale servizio ai propri clienti e prestazioni davvero insuperabili.

Ad ogni modo, entrambe le tipologie di piastra appena analizzate sono sicuramente dei prodotti validissimi, per questo non è possibile definire in maniera netta se sia meglio una piastra a vapore o normale, semplicemente perché la risposta dipende dalle singole esigenze di ognuno. 

Certamente le piastre tradizionali hanno guadagnato qualche punto in più per la facilità di trasporto, manutenzione e utilizzo, ma in entrambi i casi, scegliendo un buon brand, si potrà comunque esser certi di stare acquistando un buon prodotto per noi o per i nostri clienti.

Per acquistare in totale sicurezza le migliori piastre per capelli presenti sul mercato è fondamentale affidarsi a fornitori affidabili, come PassioneProfessionale, da oltre vent’anni leader nel settore delle forniture per parrucchieri, barbieri ed estetiste. Il nostro servizio clienti è sempre pronto a rispondere ad ogni dubbio e venire in contro ad ogni necessità proponendo soluzioni personalizzate, ti aspettiamo!

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email